FANDOM


RealShinigami

Un vero Shinigami della mitologia Giapponese

Gli Shinigami, sono gli dei della morte della Mitologia Giapponese.

Realtà

La mitologia degli shinigami è piuttosto recente, in quanto non sembra esistesse prima del periodo Meiji: molto probabilmente si tratta di un mito importato dall'Europa.[1]

La figura fu adottata molto rapidamente in Giappone, e compare ad esempio nell'opera rakugo Shinigami (probabilmente basata sull'opera italiana Crispino e la Comare, a sua volta basata sul racconto Comare Morte dei fratelli Grimm) e nell'Ehon Hyaku Monogatari ("Libro illustrato di cento storie") di Shunsen Takehara. Secondo altri, però, il mito potrebbe essere stato importato dalla Cina: secondo il critico letterario Masao Azuma, in origine non c'era alcun culto della morte in Giappone.

In Cina ci sono figure simili al mietitore di anime, chiamate Somujo o Koshinin, il cui compito è portare gli spiriti al Meifu (la Terra dei Morti).

Death Note

Ryuk

Ryuk, uno Shinigami di Death Note

In Death Note, la fantasia prende il sopravvento, e gli Shinigami assieme al loro mondo, sono molto diversi rispetto a quelli della reale mitologia giapponese. Iniziamo dal fatto che ognuno di loro possiede un Death Note, e ogni qualvolta che compiono l'atto di scrivere il nome di un essere umano sul loro quaderno, egli rubano gli anni che restano da vivere al diretto interessato, sommandoli ai loro, e quindi aumentando la propria longevità. Oltre a questo, formano anche dei gruppetti, ove giocano e passano il tempo fra un nome e un altro. Nella mitologia giapponese, non viene descritto (o nominato) il mondo degli Shinigami. Ciò ci fa pensare, che sia tutto frutto della fantasia di Tsugumi Oba e Takeshi Obata.